ETZ – Einfachwirkender Teleskopzylinder – 220bar

Cilindro telescopico a semplice effetto

  • maximaler Arbeitsdruck: 220 bar (22 Mpa)
  • numero massimo di passi: 10
  • corsa massima: 6,315mm

 

Ulteriori informazioni

Ovunque i cilindri idraulici convenzionali non vengano utilizzati a causa del loro design, specialmente in ambienti stretti, i nostri cilindri telescopici offrono LA soluzione. Il carico assiale garantisce le migliori condizioni di lavoro, cioè che i cilindri lavorino in posizione verticale verso l'alto o verso il basso. I nostri cilindri telescopici idraulici sono disponibili in diversi stadi e si differenziano per diversi diametri e corse.

Al momento dell'ordine, richiedere separatamente i requisiti speciali, come lo stelo del pistone non rotante, lo smorzamento elastico, il pistone magnetico e le dimensioni di montaggio ISO.

I nostri modelli:

  • a semplice effetto
  • a doppio effetto
  • Tecnologia sincrona
  • fino a 12.000 mm di lunghezza della corsa
  • fino a pmax 175/225 bar fino a stop
  • Guide in bronzo, modificabili
  • Funzionamento sincrono o sincrono

Caratteristiche tecniche

materiali:
I nostri cilindri telescopici sono prodotti con tubo trafilato senza saldatura:
- Tubo del cilindro: St. 52 DIN -1629 R=500-650 N/mm2 Rs=355 N/mm2
- Terra: MW 450 20 Mn V 6 R=550-720 N/mm2 Rs=420 N/mm2
- Presa a sfera: Fe 510 R=450-630 N/mm2.

Elementi estraibili:
Il trattamento di nitrurazione salina utilizzato, chiamato "processo TENIFER TF1 Degussa", permette di fare a meno dei cuscinetti in bronzo o degli anelli guida per gli elementi di prolunga, in quanto le superfici di scorrimento sono altamente resistenti all'usura e alla fresatura. In particolare, si raggiunge un'elevata durezza superficiale di HV-5/12 = 500-550.
Grazie ai suddetti vantaggi, gli elementi estraibili non hanno le corrispondenti sedi dei cuscinetti o degli anelli in bronzo. Ciò conferisce loro una resistenza meccanica notevolmente superiore allo standard disponibile in commercio. Tutto questo permette anche la produzione di una guida più lunga e il funzionamento della
del cilindro alla fine della corsa sotto la massima pressione.

superfici:
Le superfici esterne degli elementi estraibili vengono molate in una prima fase e poi arrotolate; in questo modo si ottiene una rugosità di 0,10 - 0,25 µm.

Sigilli:
Le guarnizioni e i tergicristalli di forma speciale sono in poliuretano:
- Temperatura da -40 a +110° C.
- Pressione Max. 400 Kg/cm2 (395 Bar)
- Velocità Max. 0,5 m/sec
- Fluidi idraulici minerali e lubrificanti

Accettazione:
Tutti i cilindri sono sottoposti ad un test funzionale finale con pressione idraulica di 240 kg/cm2 (235). I cilindri con un diametro di 240 o più sono testati a 205 kg/cm2 (200 bar).

Istruzioni generali per l'uso e la manutenzione, norme di sicurezza

1. condizioni di utilizzo
Il martinetto idraulico telescopico è progettato per l'installazione su veicoli conformi ai requisiti essenziali di sicurezza della Direttiva Macchine 98/37 CEE e successive modifiche e alle norme in vigore per i veicoli con dispositivi di ribaltamento (UNI 10691-10692-10693-10694-10695). Se il veicolo in cui è installato il cilindro non è conforme alle direttive e alle norme qui elencate, la garanzia decade. Allo stesso modo, il produttore non si assume alcuna responsabilità per tali danni conseguenti.

1.1 Condizioni ambientali
Le parti estensibili del cilindro sono suscettibili alla corrosione se utilizzate in un ambiente molto aggressivo o se vengono prolungate più a lungo del necessario per il normale processo di ribaltamento. Se queste condizioni non possono essere evitate, si raccomanda l'uso di cilindri con aste cromate. Le parti di tenuta (guarnizioni, tergipista olio) all'interno del cilindro idraulico telescopico ne consentono l'impiego a temperature (temperatura ambiente o temperatura dell'olio idraulico) comprese tra -40°C e +95°C.

1.2 Funzionamento standard
Il funzionamento standard del cilindro idraulico telescopico deve essere utilizzato per il sollevamento di piattaforme di veicoli per il ribaltamento progressivo del carico sulla piattaforma per tutta la lunghezza della corsa, rispettando i limiti del cilindro come specificato nella documentazione tecnica e sulla targhetta di identificazione. Si deve anche tener conto del fatto che il cilindro è progettato per carichi diretti lungo il suo asse, cioè non deve essere sottoposto a carichi laterali o utilizzato come componente strutturale. Per questo motivo, il cilindro telescopico idraulico non può mai causare il ribaltamento del veicolo, ma può essere danneggiato se il veicolo si ribalta.

1.3 Controllo delle dimensioni
Il peso della piattaforma e il peso del carico danno il peso totale di ribaltamento, che viene normalmente chiamato "capacità di sollevamento". La "capacità di sollevamento" indicata nella documentazione tecnica è un valore puramente indicativo e serve come primo criterio per la scelta del cilindro. La "forza di sollevamento" massima può essere calcolata solo dal tecnico incaricato dell'installazione, in base alla geometria del veicolo, alla sua destinazione d'uso, alla forza di spinta massima e alla pressione massima consentita per il cilindro.

Il tecnico installatore deve garantire che la forza di spinta massima e la pressione massima consentita non vengano mai superate quando si utilizza il cilindro telescopico idraulico. Controlla anche l'angolo massimo raggiungibile dalla piattaforma in base alla geometria del veicolo e alla corsa del cilindro. Si tiene conto del fatto che

a) il cilindro non deve mai raggiungere la fine della corsa (UNI 10693- 4.2.2)

b) la piattaforma non deve poggiare sul cilindro in posizione di trasporto

c) l'angolo massimo consentito tra il coperchio e la base è di 30°.

    Richiesta

    Avete domande sul prodotto? Inviateci la vostra richiesta.